Così distanti, così vicini: cinema, cultura e socialità nell’estate bolognese 2020

di Sara Biagi

Mentre i paesi iniziano ad allentare le misure di blocco messe in atto per appiattire la curva del Covid-19, in tutto il mondo c’è grande desiderio di ripartire con le attività culturali e di pubblico intrattenimento di cui si è tanto sentito il vuoto in questi mesi di sospensione.

Non che siano mancate l’offerta e la fruizione domestica: l’utilizzo di piattaforme digitali e di streaming ha anzi favorito lo sviluppo di forme espressive che hanno trovato spunti ingegnosi in una fase di stasi dei contatti umani e della vita all’aperto.

Senza nulla togliere ai vari Netflix, Sky e tutti i canali che ci hanno permesso di trascorrere ore piacevoli e stimolanti pur chiusi nelle nostre case, la fame del calore del pubblico, della partecipazione ad eventi di comunità non ha tardato a farsi sentire.

Negli Stati Uniti, e a cascata anche in Italia, sono tornati di gran moda i drive-in. Le persone, qui e oltreoceano, che da marzo sono state in gran parte confinate nelle proprie abitazioni a guardare il bilancio delle vittime del virus accumularsi sugli schermi televisivi, ora possono tranquillamente godersi i film fuori casa, pur obbedendo alle restrizioni in atto. L’esperienza del drive-in sembra tagliata su misura per la pandemia, visto che qualsiasi contatto con altri individui avviene all’aperto, dove è sensibilmente ridotto il rischio di infezione. Nel contempo vengono incentivate le attività di ristorazione, con eventi che uniscono gli spettacoli a cene e rinfreschi, esperienze in combinata di stimolo reciproco a entrambi i comparti.

Discorso analogo vale per le arene all’aperto, luoghi dove la voglia di cinema, cultura e svago permette, con le dovute accortezze, di mantenere il distanziamento.

Senza bisogno di volare negli States, la realtà locale rispecchia le tendenze in atto a livello globale, con tutte le peculiarità che il nostro territorio – e le sue fervidi menti – possono partorire.

Si riaccendono infatti le stelle sui luoghi di spettacolo e cultura dell’estate bolognese.

Ricco è il palinsesto delle proposte riunite sotto l’etichetta di Bologna Estate C’è. Alle iniziative già note e consolidate, la cui partenza era messa in dubbio dall’emergenza sanitaria, si affiancano quest’anno attività e spazi di assoluta novità, a conferma del grande desiderio di ripartenza nel segno della socializzazione e della creatività.

Riparte Sotto le stelle del cinema, con il maxischermo in Piazza Maggiore e alla BarcArena, allestita presso il Centro sportivo Barca; i lungometraggi saranno proiettati gratuitamente e in contemporanea nei due spazi dal 4 luglio al 21 agosto.

Le misure di salvaguardia della salute prevedono che, delle 1600 sedute sul Crescentone, siano disponibili 1200 posti a serata; altri 750 spettatori ammessi alla BarcArena, in entrambi i casi previa prenotazione online del posto dai siti di Bologna Welcome e della Cineteca di Bologna o fisicamente all’ufficio di Bologna Welcome, per un massimo di quattro posti a serata.

La programmazione, che prevede la presenza di apprezzabili ospiti e la riproduzione, insieme ai film, di cortometraggi a tema, si sviluppa su vari filoni: il Cinema al femminile, con pellicole dirette, interpretate o dedicate a grandi donne; figure leggendarie e carismatiche sono protagoniste dei film della sezione Più grandi della vita; la selezione di Polizieschi urbani si concentra su grandi titoli che hanno creato gli elementi fondativi di un genere di enorme successo.

Vengono inoltre celebrati importanti anniversari: con Steve McQueen fa 90 si festeggiano i 90 anni che avrebbe compiuto una grande icona del cinema; Alberto Sordi 100 rientra tra le celebrazioni del centenario della nascita di uno strepitoso attore che ha segnato con le sue interpretazioni la storia cinematografica italiana. Nato lo stesso anno di un grande pilastro del nostro cinema: la sezione Fellini 100 è un tributo al regista riminese, che tanto ha dato alla settima arte. Si allaccia a questi percorsi il filone Omaggio a Franca Valeri, dedicato ad una caratterista ironica e versatile, che nel 2020 taglierà il traguardo del secolo di vita.

È dedicata alle produzioni felsinee la sezione Fare cinema a Bologna, mentre Estate italiana mette in scena pellicole che raccontano con maestria questa bizzarra stagione di frenesia e sospensione insieme, di luci calde e colori sgargianti che avvolgono contraddizioni, fermenti e nostalgia.

Tra gli ospiti della rassegna, previsto per l’inaugurazione un maestro della parola funambolica quale Alessandro Bergonzoni, a seguire Liliana Cavani, Carlo Lucarelli, i Manetti Bros., Stefano Accorsi, Sergio Rubini, l’espertone cinematografico Gianni Canova e alcuni giocatori del Bologna Football Club, che introdurranno con una diretta video uno dei manifesti della protesta afroamericana, il film “Fa’ la cosa giusta” realizzato nel 1989 da Spike Lee.

Parentesi fotografica il 17 luglio per un appuntamento ormai da tradizione, il World Press Photo, il più prestigioso concorso internazionale dedicato ai reportage. La fotografia è un’altra rilevante tendenza che ormai da tempo sta caratterizzando l’offerta culturale bolognese – si pensi alle mostre Children, di Steve McCurry, Elliott Erwitt e Dario Mitidieri all’Auditorium Enzo Biagi della biblioteca Salaborsa lo scorso inverno. E alla bellissima mostra Women ancora in corso nella chiesa di Santa Maria della Vita in via Clavature, dove sono esposti scatti emozionanti di fotografi del National Geographic dedicati al mondo femminile.

Tornando al cinema, una menzione speciale è d’obbligo per la straordinaria opera della Cineteca di Bologna, cardine di tutte queste iniziative. Una realtà che non ha abbandonato il proprio pubblico anche durante il lockdown, mettendo a disposizione cortometraggi recuperati dagli archivi della Fondazione e raccolti sotto la denominazione Il Cinema ritrovato_Fuori Sala. Si tratta di pellicole che vanno dai primi decenni del secolo scorso agli anni ’50-‘60 restaurate dal laboratorio L’immagine ritrovata, che raccontano una Bologna lontana (consigliato per i nostalgici il documentario “Guida per camminare all’ombra” sui portici della città) e un passato finito nel più profondo dei cassetti della memoria.

Nei mesi di blocco la fondazione ha sostenuto il progetto #iorestoinsala, un circuito nazionale di cinema e distributori sul web, dove la rete diventa “la sala”. La Cineteca si è poi attivata per realizzare il progetto di un drive-in, quando l’emergenza Covid-19 metteva a rischio gli spettacoli nel cuore della città.

Che invece ospiterà la 34° edizione del Cinema ritrovato a partire dal 25 agosto fino al 1° settembre, con proiezioni “ponte” tra la rassegna Sotto le stelle del cinema e il festival. Una manifestazione che è considerata un vero paradiso per i cinefili di tutto il mondo, con classici restaurati con grande perizia e contraddistinta quest’anno dalla collaborazione musicale con l’orchestra del Teatro Comunale per l’esecuzione di due cineconcerti.

In totale saranno 55 gli appuntamenti che avranno luogo nelle due arene a cielo aperto durante l’estate 2020 e si parla di una grande cena finale in Piazza Maggiore al termine della kermesse, un modo ghiotto per rilanciare la ristorazione e il turismo in città.

L’intensa ed appassionata attività della Cineteca si rispecchia nel lavoro del suo direttore Gianluca Farinelli, tra gli ospiti della rassegna estiva dell’Alma Mater Zambè, che da cinque anni si svolge nel cuore dell’Università, nel cortile d’Ercole di Palazzo Poggi in via Zamboni 33.

Quest’anno il pubblico potrà seguire le dirette online di Zambè sui social di Ateneo (Facebook, Instagram e YouTube), dove resteranno disponibili i contributi focalizzati sul tema “tra il passato e il presente dell’Ateneo”, scelto quest’anno anche in seguito alla situazione storica che stiamo vivendo.

Il professor Marco Antonio Bazzocchi, direttore scientifico del progetto, intervista sotto la statua che campeggia nel cortile del palazzo alcuni noti esponenti del mondo cittadino, ospiti della serie Un quarto d’ora da Ercole, per raccogliere contributi a tutto tondo su quanto è accaduto, su come vedono il futuro e il ruolo dell’Università dentro la città.

Le conversazioni si alternano a video sull’evoluzione dell’Alma Mater attraverso i propri luoghi e per voce di illustri personalità del passato dell’ateneo, che parlano allo spettatore come se conoscessero quali percorsi avrebbe poi intrapreso l’Università. Ne scaturisce una storia animata fatta di racconti e suggestioni per immagini rese con un utilizzo originale e contemporaneo delle tecnologie digitali, per avvicinare gli spettatori di oggi a temi e personaggi di ieri, geniali e coraggiosi pionieri nel loro campo e apripista per gli sviluppi futuri.

È il caso di Laura Bassi, la prima donna al mondo che ottenne una cattedra universitaria e alla quale è dedicato un docufilm ideato dalla professoressa emerita dell’Alma Mater Raffaella Simili e Miriam Focaccia, con la regia di Alessandro Scillitani. Un estratto dell’opera verrà proiettato il 18 luglio in Piazza Maggiore, uno dei luoghi teatro della vita della donna, come anche l’Archiginnasio, l’Istituto delle Scienze, Palazzo d’Accursio e le vie della città a cui Laura Bassi ha donato lustro.

Alessandro Scillitani (ph Paolo Tanze)

Per chiudere il cerchio, nel quarto d’ora da Ercole di Gianluca Farinelli emerge come la televisione generalista, a sua opinione, non sia stata in grado di raccontare la realtà che stiamo vivendo, affidandosi a dati e informazioni slegate e mostrando una certa incapacità di trasferire il senso di profondità dei fatti. Mentre il cinema abbia enormemente aiutato tutti noi ad attraversare questa fase complicata nonostante le oggettive difficoltà, perché “l’arte attraversa tutte le modalità di fruizione nella sua grandezza”.

Altri spazi della città saranno dedicati alle proiezioni estive: l’Arena Puccini nella tradizionale sede del Dopolavoro ferroviario, con un cartellone che raccoglie il meglio della produzione italiana e internazionale uscita nelle sale dallo scorso autunno a oggi. Curatore del programma è Andrea Morini della Cineteca di Bologna, il quale insieme al suo staff ha selezionato anche alcuni dei film più significativi distribuiti in streaming durante il lockdown, che arriveranno così per la prima volta in sala. Nel rispetto delle linee guida per “Cinema e spettacoli dal vivo” contenute nel Dpcm dell’11 giugno, le sedute saranno ridotte da mille a circa 400 per consentire il distanziamento fisico tra gli spettatori.

I quali potranno consultare la programmazione anche dell’Arena Tivoli, presso lo storico cinema-teatro in via Massarenti, o dell’Arena FICO, dove ai lungometraggi della stagione in corso si avvicenderanno spettacoli di comici ed incontri con registi e autori. A braccetto con la gastronomia, vista la possibilità di cenare nei tavolini esterni dei ristoranti Eataly world.

Un altro interessante fenomeno di intrattenimento caratterizza l’estate appena iniziata: il ritorno al teatro di prossimità, che prenderà corpo in cortili, giardini, strade pedonalizzate all’insegna della riconquista degli spazi pubblici da parte della comunità.

Sono tantissime le iniziative previste nei vari quartieri della città; tra queste, un centinaio saranno finanziate dalle donazioni della cittadinanza raccolte col progetto 6000 Piantine, quale atto finale della fotosintesi culturale avviata a maggio scorso in una Piazza Maggiore all’epoca ancora semideserta.

Per dare un piccolo assaggio delle tante proposte in calendario, in quanto a rilancio degli spettacoli di prossimità il Teatrino a due pollici presenta il progetto Cantastorie a domicilio, che vedrà il narratore arrivare nei cortili condominiali per raccontare con oggetti, pupazzi o piccole scenografie una storia animata, adatta ad un pubblico di ogni età.

L’Estate di vicinato scoppierà anche sotto i portici di via Mascarella e nelle aree limitrofe, dove la vena artistica degli abitanti della zona si esprimerà attraverso letture, performance musicali e teatrali per il pubblico in strada e alle finestre.

Musica, arti visive e performative, cinema e incontri letterari animeranno la terza edizione del festival estivo I Giardini del Baraccano. Gratuito l’ingresso alle serate nel complesso monumentale di via Santo Stefano, i cui 1.000 mq circa di giardino ospiteranno aperitivi, apericene a lume di candela e pic-nic dal 30 giugno al 4 agosto. Cinema e gastronomia anche in questa sede, con le proiezioni del Baraccano Drive-In alle quali assistere comodamente “parcheggiati” sulle stuoie nel prato e la possibilità di accompagnare la visione con degustazioni a tema. Perché cibo è convivialità e la qualità alza il livello esperienziale: il giovedì saranno i ristoratori più noti del quartiere a preparare menu e cestini in versione gourmet.

Una location nuova e tematiche sociali di forte impatto caratterizzano l’estate di Villa Celestina, poco fuori dai viali di circonvallazione. Un edificio da ricostruire, che ha una particolarità: si tratta di un complesso confiscato alla mafia e affidato al Comune, il primo in città che si appresta ad essere riutilizzato a fini sociali. Gli spazi esterni, infatti, sono stati assegnati temporaneamente all’associazione Libera per incontri con gli studenti e durante questi mesi accoglieranno la rassegna Presi bene, che unisce la consueta parte di svago fatta di concerti ed eventi ad una serie di dibattiti su temi quali il recupero dei beni confiscati a scopo sociale, il diritto alla salute, la memoria e la ricerca di verità e giustizia – anche in vista dei 40 anni dalla strage di Bologna.

La voglia di ripartire, insomma, è tanta; intensi sono gli sforzi per rilanciare comparti fondamentali per la vita sociale, gravemente colpiti dalle conseguenze della pandemia.

In questo periodo, segnato dalla perdita di giganti contemporanei quali Luis Sepulveda, Ezio Bosso ed Ennio Morricone, grandi cuori che hanno ricordato a tutti noi l’immenso valore dell’arte e della cultura nelle nostre esistenze, soprattutto nei momenti più difficili. Mentre ci sono paesi, come la Norvegia, che scommettono strategicamente proprio su questo settore attraverso ingenti stanziamenti economici a sostegno della creatività, per una ripartenza in chiave sociale avanzata.

In Italia i lavoratori dello spettacolo, siano essi attori, musicisti e tutto il personale tecnico coinvolto nelle produzioni culturali, hanno gridato le proprie difficoltà e il forte senso di abbandono da parte di uno stato pronto a chiederne il supporto e poco disposto a ricompensarlo. La festa del primo maggio ed il tradizionale concerto sono stati dedicati proprio a loro, poco più di un mese dopo gli stessi operatori che lavorano davanti e dietro le quinte si ritrovavano a manifestare nelle piazze per chiedere maggiore considerazione.

La cultura è linfa, non va solo succhiata ma difesa e nutrita. Ognuno di noi può fare qualcosa col proprio piccolo contributo, la partecipazione è il primo passo.

————————————————————————————————————–

Per partecipare alla rassegna cinematografica Sotto le stelle del Cinema (dal 4 luglio al 21 agosto 2020) e al festival Il Cinema ritrovato (dal 22 agosto al 1° settembre)

  • Dove: Piazza Maggiore e BarcArena (Centro sportivo Barca)

  • Prenotazione obbligatoria dei posti a sedere Online su www.cinetecadibologna.it e www.bolognawelcome.com, oppure presso gli sportelli di Bologna Welcome, aperti dal lunedì al sabato dalle 10 alle 19 e la domenica dalle 11 alle 17

Spettacolo prenotabile da sette giorni prima della proiezione, entro le ore 13 del giorno stesso. Possibile riservare fino a un massimo di quattro posti per ogni serata, fino ad esaurimento delle disponibilità. Inutilizzabili i gradini di San Petronio, non ammessi spettatori in piedi.

La prenotazione indicherà il luogo da cui accedere (4 gli accessi in Piazza Maggiore, unico alla BarcArena) e il posto numerato assegnato; non sarà possibile disdire, per fare in modo che tutti fruiscano della programmazione.

  • Accesso a partire dalle ore 20, gli spettatori sono invitata a presentarsi all’ingresso entro e non oltre le ore 21.10 muniti di prenotazione, stampata o digitale, e di mascherina – da indossare all’ingresso, all’uscita e durante gli spostamenti per raggiungere e lasciare il posto

————————————————————————————————————–

Il cinema ritrovato dvd awards

La Cineteca di Bologna organizza, nell’ambito del festival Il Cinema Ritrovato, la 17° edizione del concorso dedicato a prodotti cinematografici realizzati in formato Dvd e Blu-ray.

Un premio che intende dare visibilità e incentivare la realizzazione in tutto il mondo di prodotti di qualità dedicati all’home entertainment. Al concorso partecipano Dvd e Blu-ray pubblicati tra febbraio 2019 e febbraio 2020, relativi a film di acclamata importanza e di produzione anteriore al 1990 (trent’anni fa), rispettando così la vocazione più generale del festival. Giuria presieduta dal noto critico Paolo Mereghetti, attivo anche nella selezione dei titoli insieme a Gianluca Farinelli.

————————————————————————————————————–

Gli appuntamenti di Zambè, con video sempre disponibili sui canali social di Ateneo – Facebook, Instagram e YouTube

  • 16 Giugno 2020 Un quarto d’ora da Ercole: intervista al Rettore Francesco Ubertini

  • 17 Giugno 2020 L’Alma Mater per immagini: Luigi Ferdinando Marsili racconta Palazzo Poggi

  • 18 Giugno 2020 Un quarto d’ora da Ercole: intervista al cardinale Matteo Zuppi

  • 23 Giugno 2020 Un quarto d’ora da Ercole: intervista a Romano Montroni

  • 25 Giugno 2020 Un quarto d’ora da Ercole: intervista a Nadia Urbinati

  • 30 Giugno 2020 Un quarto d’ora da Ercole: intervista a Marcello Fois

  • 1 Luglio 2020 L’Alma Mater per immagini: Laura Bassi racconta l’Istituto delle Scienze

  • 2 Luglio 2020 Un quarto d’ora da Ercole: intervista a Gianluca Farinelli

  • 7 Luglio 2020 Un quarto d’ora da Ercole: intervista a Flavio Favelli

  • 8 Luglio 2020 L’Alma Mater per immagini: Ulisse Aldrovandi racconta l’Orto botanico e la Palazzina della Viola

  • 9 Luglio 2020 Un quarto d’ora da Ercole: intervista a Silvia Avallone

  • 14 Luglio 2020 Un quarto d’ora da Ercole: intervista a Pierluigi Stefanini

  • 16 Luglio 2020 Un quarto d’ora da Ercole: intervista a Vito Mancuso

  • 21 Luglio 2020 Un quarto d’ora da Ercole: intervista a Rosi Braidotti

  • 22 Luglio 2020 L’Alma Mater per immagini: Maria dalle Donne racconta il Policlinico Sant’Orsola

  • 23 Luglio 2020 Un quarto d’ora da Ercole: intervista a Margherita Pennacchia, studentessa Unibo

  • 28 Luglio 2020 L’Alma Mater per immagini: Giosuè Carducci racconta la Biblioteca Universitaria

Letto 46 volte

Lascia un commento

Questo sito utilizza i cookie per fornirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito o cliccando su "Accetto" acconsenti al loro utilizzo. Maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi