CUBO CALCIO, CHE PASSIONE ……….

Ancora una volta possiamo confermare che nonostante la sezione sportiva del calcio del Circolo sia la più vecchia (è stata fondata nel lontano 1978) i suoi anni li porta proprio bene. A distanza di quasi 40 anni dai suoi primi passi la compagine Cubista quest’anno ha infatti raggiunto il suo miglior risultato arrivando a disputare la finale del campionato di calcio a 11 di supereccellenza del CSI (la serie A dei campionati organizzati da questo ente di promozione sportiva). La partita contro la squadra del Savena (persa malauguratamente ai rigori 6-5!) si è disputata nella splendida cornice dello stadio comunale Dall’Ara al cospetto di amici, fidanzate e parenti ma anche di un nutrito manipolo di accaniti supporter che armati di megafono e trombette hanno sostenuto per tutta la durata dell’incontro la squadra intonando cori pittoreschi e fantasiosi. E dire che la stagione era iniziata sulla falsa riga di quelle precedenti; il giorno del ritrovo alla fine di agosto 2016 erano diverse le facce di nuovi giocatori che lo storico allenatore del Cubo calcio Vittorio Baldini si è trovato davanti sul campo di allenamento del Cusb di Via del Terrapieno. Questo fatto di avere una rosa formata da molti giocatori nuovi è una costante che si ripete da diverse stagioni, soprattutto da quando la squadra è formata non più dai dipendenti ma principalmente da studenti del nostro Ateneo e da studenti stranieri in periodo di studio presso Unibo.  La presenza di studenti, infatti, se da una parte porta freschezza giovanile alla squadra, dall’altra non consente di creare una ossatura di squadra consolidata che rimanga nel tempo e ciò a causa degli impegni di studio che spesso tengono i ragazzi a Bologna per periodi troppo brevi. Questo significa che ogni anno (da 10 anni ormai…) il buon Vittorio

Vittorio Baldini Mister della squadra di Calcio CUBo 1978

si trova a dover allestire una squadra che le prime partite fa fatica a trovare il bandolo della matassa tattica perché manca di amalgama ma poi, trovata la quadra, si esprime al meglio disputando spesso la seconda parte della stagione in maniera egregia riuscendo anche a disputare i playoff per vincere il campionato.

Quest’anno la novità è consistita nell’aver potuto contare per tutte le partite dell’appoggio di calorosi sostenitori, amici dei giocatori, che si sono dimostrati un valore aggiunto per la squadra. Quando si dice che il tifo è il dodicesimo uomo in campo il Cubo calcio ne ha avuto la riprova. Questo nutrito gruppo di ragazzi si è presentato ad ogni incontro, con il bello e il cattivo tempo, in casa o in trasferta, avvolti nelle sciarpe biancorosse dei nostri colori sociali e armati di striscioni, tamburi e in alcune partite anche di fumogeni rigorosamente rossi e bianchi…. Il loro tifo indiavolato oltre a dare la carica ai nostri atletici ragazzi ha spesso intimidito gli esterrefatti giocatori delle squadre avversarie che non potevano capacitarsi del fatto che nelle categorie amatoriali ci potesse essere qualcuno che avesse il desiderio di sostenere in maniera così calorosa i propri beniamini. Ovviamente non sapremo mai se è stato grazie a loro, o semplicemente che sia stata una buona annata da un punto di vista della qualità dei calciatori, oppure tutte e due le cose, che quest’anno la stagione sia andata così bene, raggiugendo il miglior risultato da quando esiste il Cubo calcio 11, ovvero il quarto posto durante la stagione regolare e la finalissima allo stadio dopo avere superato tre turni di playoff.

Dopo avere incensato la squadra non possiamo non ricordare tutte le persone che si prodigano dietro le quinte affinché tutto possa funzionare nel migliore dei modi, dalla segretaria del Circolo Franca Pili al dirigente/giocatore Davide Gardesani che, oltre ad avere costruito la pagina web della squadra (www.cubocalcio1978.it), si occupa del suo continuo aggiornamento, per finire a tutti coloro che hanno dato una mano magari facendo il guardialinee quando ce n’era bisogno o scattando fotografie che raccontano più di mille parole la bellissima stagione. Un grazie di cuore anche al Cusb che ogni anno ci mette a disposizione i campi di allenamento e che per metà campionato ci ha dato la possibilità di giocare sul campo a 11 in sintetico nell’impianto di Via del Terrapieno.

 

Note di Stefano Ferroni

 

Letto 55 volte

Franca Pili

Franca Pili

Segreteria CUBo

Lascia un commento

Questo sito utilizza i cookie per fornirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito o cliccando su "Accetto" acconsenti al loro utilizzo. Maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi