De Nittis e la rivoluzione dello sguardo | sabato 4 aprile 2020 ore 15:45

De Nittis e la rivoluzione dello sguardo.

PALAZZO DEI DIAMANTI
Corso Ercole I d’Este 21, Ferrara

Visita guidata da  Pierluca Nardoni 

Sabato 4 aprile 2020 ore 15:45

Riservata ai Soci CUBo e loro familiari

Ingresso: euro 10,00 –  comprende visita guidata, audio-guida, prevendita.

  PRENOTA QUI!

PRENOTAZIONE IMPEGNATIVA Il Circolo acquista i biglietti per i propri Soci preventivamente ed  esclusivamente per quel giorno e quell’ora, non sarà dunque possibile rimborsarli o modificarne la data.

Appuntamento:    15 minuti prima a PALAZZO DEI DIAMANTI  in Corso Ercole I d’Este 21, a Ferrara sede della mostra. Verranno consegnati i biglietti d’ingresso e le audio-guide.

Noto soprattutto per le sue composizioni eleganti e alla moda che ne determinarono il successo a Parigi, Giuseppe De Nittis è da annoverare anche tra i principali interpreti di un nuovo modo di guardare la realtà e tradurla con immediatezza sulla tela attraverso inquadrature audaci, tagli improvvisi, prospettive sorprendenti affiancate a una sapiente resa della luce e delle atmosfere. Che si tratti di paesaggi assolati del sud Italia, di ritratti o delle affollate piazze di Londra e Parigi, il pittore di Barletta ha lasciato una serie di istantanee che rappresentano il mondo nel suo apparire fugace e transitorio.

Pur senza dimenticare le esigenze del mercato e facendosi interprete del gusto delle esposizioni ufficiali, attraverso un linguaggio teso alla sperimentazione e una sensibilità ottica affine a quella degli amici Manet, Degas e soprattutto Caillebotte, De Nittis ha abbracciato quella “rivoluzione dello sguardo” che segna l’avvento della modernità in arte, a cui nella Parigi di fine Ottocento contribuisce il confronto tra la pittura e i codici visivi della fotografia e della tradizione artistica giapponese.

Sono questi i temi che affronta la mostra, rileggendo la carriera del pittore da una prospettiva che pone l’accento sulla sua originalità e carica innovativa. Nel percorso espositivo, alle opere di De Nittis è affiancata un’ampia selezione di fotografie d’epoca firmate dai più importanti autori del tempo – da Charles Marville a Gustave Le Gray, da Alvin Coburn ad Alfred Stieglitz – oltre ad alcune delle prime immagini in movimento dei Lumière, con il fine di evidenziare il contributo del pittore alla comune creazione del linguaggio della modernità.

Iniziativa realizzata con il contributo dell’Università di Bologna

Letto 41 volte

Franca Pili

Franca Pili

Segreteria CUBo

Lascia un commento

Questo sito utilizza i cookie per fornirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito o cliccando su "Accetto" acconsenti al loro utilizzo. Maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi