Dove pensi sia il genio di Federico? Intervista a Vito Contento

Iacopo D’Urbano, Francesco Meatta, Antonio Lalli, e Filippo Romanelli, stanno realizzando per la “Scuola d’Arte Cinematografica Vancini”, accademia diretta da Alessio Di Clemente, Valeria Luzi e Stefano Muroni,  un documentario su Federico Fellini nel centenario della sua nascita. Nel documentario sono previste interviste fra le quali una a Vito Contento della quale pubblichiamo un estratto.

 

Chi è Fellini, cos’è?

V.C. É il cineasta che più di tutti gli altri ha sperimentato nel cinema. E questo innovare supera altri grandi maestri in tutti i reparti: nella sceneggiatura  fuggendo dal narrativo spingendo sulle divagazioni anche frammentarie e fregandosene del “finito”; nella fotografia con le sue deformazioni ottiche, per il suo b/n e i suoi colori, e soprattutto i suoi lunghi piani sequenza e movimenti di macchina rocamboleschi; nel montaggio con i suoi respiri e deformazioni temporali tesi a catturare percezioni interiori, il rimembrare, il distrarsi, il sognare; per non parlare della scenografia  e dei costumi, curando tutto ciò che c’era nel profilmico come una vera opera d’arte a se stante.  Per certi versi è stato perfino uno sperimentatore come produttore, creandosi il suo sacro bottegone  nello “Studio 5” di Cinecittà, e addirittura nella promozione dei film, forviando la stampa, giocando a confondere se stesso con i suoi personaggi, le sue storie inventate con la sua biografia.

Dove pensi sia il genio di Federico?

Il fatto è che tutta questa innovazione non ha mai offerto la sensazione di essere artificiosa e soprattutto “programmatica”, come ad esempio può sembrare quella delle avanguardie storiche o di un Rainer Werner Fassbinder o di un Lars Von Trier. É una innovazione che per quanto si palesi con molta forza è spontanea, “naturale”, non è un manifesto.

Ciò che ha fatto Fellini è stata un’energica attività intellettuale e artigianale intorno al suo stile, qualcosa quindi più di connaturato che di ricercato. Questa “naturalezza” traspira già in Luci del varietà (nonostante la presenza di un grande maestro come Lattuada), anche se la scena simbolo della immediata libertà linguistica felliniana la troviamo nel film successivo: con un Alberto Sordi vestito da sceicco che dondola su un’altalena a una decina di metri da terra, fra due alberi altissimi: poi con piccolissimo balzo si getta per magia avanti al nostro sguardo reso ingenuo come quello di una sposina di provincia.

É incredibile quanto il cinema di Fellini è al contempo “espressivo” eppure “naturale” insieme.

Poi Fellini è sconcertante sul piano filosofico. Per carità, sicuramente sul fronte della complessità dei temi e l’ampiezza del corpus è Pasolini il cineasta filosofo per eccellenza; come sul piano della crisi esistenziale è dura fare concorrenza a Bergman; poi è difficile fare le scarpe ad Antonioni sul tema della crisi della coppia, dei sentimenti, nell’avvento di un’era tecnologica e liberale.

Però Fellini è il cineasta che intercetta lo spessore di Pasolini almeno sul tema della comunicazione, narrando la crisi dell’arte classica e popolare (che sia Pasolini che Fellini, ma anche Antonioni, ritengono che siano se non sovrapponibili ampiamente e storicamente comunicanti) fagocitata dalla televisione (che Fellini differentemente da Pasolini fa in tempo a veder diventare privata, e interamente nelle mani di un arricchito palazzinaro milanese).

Nessun altro cineasta ha assorbito e rappresentato nei suoi film così tanti professionisti di arte e di comunicazione, mettendo nei suoi film l’operato di artisti di strada, circensi, artisti di varietà, attori di fotoromanzi, cineasti, scrittori, filosofi, orchestrali, cantanti lirici, giornalisti,  perfino predicatori e meretrici, tutti in qualche modo al tramonto.

Cos’è Fellini? Mi sono dilungato, ma Fellini e molto di più di tutto questo. Perché mentre dico che è il cineasta/filosofo della “comunicazione”, mi sovviene che lo è senza dubbio anche del “postmoderno”.

Qual è il tuo Fellini?

V.C. Confesso che conosco l’opera di Fellini solo come quella di Pasolini, Bergman e Antonioni. Sono così appassionato alla loro opera che su un player posso trovarvi qualsiasi scena, di qualsiasi film, in pochi secondi.

Quindi il mio Fellini, come il mio Pasolini, Antonioni e Bergman, è un ossessione ed è l’ossessione per qualcosa che oltre che irraggiungibile (come grandi opere di centinaia di cineasti), sembra al di fuori dal tempo e dalla storia.

Mi spiego meglio: penso che le cose grandiose che ha fatto un Hitchcock, o Ford o Wilder, e poi un Leone o uno Scorsese, siano all’interno di un divenire linguistico, una sorta di “evoluzionismo” cinematografico. Magari loro le hanno fatte meglio e prima di tutti, ma se loro non ci fossero stati altri grandi artisti, avrebbero ottenuto i loro risultati, diciamo sarebbero passati da lì.

Vedi, ciò di grandioso che stanno facendo i fratelli Cohen e Tarantino, non è altro che l’evoluzione del cinema di Chaplin, Griffith, degli studi RKO o Warner, citando a caso. In mezzo ci sono un sacco di grandi maestri, quelli che amo di più, N. Ray, S. Kubrick e R. Altman.  Con un Fellini si ha la sensazione che avrebbe fatto lo stesso cinema anche all’origini (e un po’ sembra dircelo ne l’inizio muto de E la nave va (1983)) e forse lo avrebbe fatto pure prima dei Lumiére e i suoi sogni sarebbero dei vetrini di lanterna magica, e si ha anche la sensazione che  avrebbe fatto lo stesso cinema anche oggi, e anche fra 1000 anni. Se Fellini fosse nato prima del 1895, sarebbe stato senza dubbio uno dei più grandi capicomici della storia del teatro, o un grandissimo scrittore, o un grandissimo pittore.

La filmografia di Chaplin di per sé rappresenta l’evoluzione di tre quarti di secolo di cinema.  Da le prime brevissime comiche a La contessa di Hong Kong (1967) ci passa una intera civiltà multimediale.

Confrontiamo Orizzonti di gloria (1957) di Kubrick e Eyes wide shut (1999), sono due grandi capolavori ma gli anni fra i due film si sentono tutti.

Per Fellini, Pasolini, Antonioni e Bergman, sembra quasi che tutti i loro film sono stati girati in un solo anno, e nel futuro.

Il miracolo di questi tre cineasti è che sembrano extra-storici, anche se ovviamente nessuno è fuori dalla storia.

Cosa di Fellini hai fatto tuo?

V.C. Vi sembrerà assurdo, ma trovo appunto Fellini talmente unico per cui non riesco a “dialogarci” cinematograficamente. Il cinema di Fellini  in realtà non è cinema.  Di Fellini non si può copiare neppure una sola battuta o inquadratura, e chi lo fa potrà soccombere. L’unica cosa che si può rubare a Fellini e lo spirito di libertà e felicità linguistica che in realtà è fortemente costantemente perturbata.

I “figli dei fiori” che Fellini ci mostra “limonare” in Roma sugli scalini di Piazza di Spagna (la stessa gioventù di Effetto notte (1973) di Truffaut), sono liberi e felici, come lo è Fellini sul set, ma sta per arrivare la polizia a perturbare il tutto.

Quando Kusturica o Sorrentino hanno saputo imitare Fellini, e sottolineo imitare, hanno saputo tratteggiarne lo spirito di libertà, l’“altisonanza” linguistica e questo smarrimento di uno stato di grazia.

Il mio Fellini a cui tengo più a cuore è conservare nella mia vita un po’ di spirito vitellone, superficiale, da osteria, di confusione ed erranza, di dubbio: Il “Vecchio Snaporaz” che Fellini era.

Cosa ne pensi della frase di Fellini: “Il cinema è il modo più diretto per entrare in competizione con Dio.”?

V.C. Qualche anno fa ho realizzato una lunga intervista al maestro russo Sokurow passando con lui un intero pomeriggio al Barazzo a Bologna grazie all’intermediazione di Elfie Reiter. Il grande regista di San Pietroburgo, fortemente credente, mi disse che per lui fare cinema è come onorare in piccolo il grande mestiere del Creatore. Una pratica per rendersi conto di quanto sia un insuperabile regista il “Dio Onnipotente”. Si mise a ridere, cosa difficile per l’omaccione burbero che è Sokurow, quando dissi: “Beh, nel cinema di Dio non mi piace che alla fine muoiano tutti i personaggi”

Però Sokurow sul tema era molto serio, la pensava, la sentiva, esattamente così.

Ecco, per Fellini non è un tema serio, come non lo è su nessun tema specifico.  In Fellini, su temi come Dio, morte, senso della vita, si spalanca tutta la fragilità, tragedia, e quindi la comica piccolezza dell’uomo. O forse viceversa, ogni tema è talmente serio, che diventa ridicolo l’arrabattarsi dell’uomo nel pretendere di padroneggiarlo.

“Sono un gran bugiardo” diceva, che tradotto è anche “Vivo nel dubbio e nella contraddizione su qualsiasi tema”. Per Fellini la realtà è una errante percezioni soggettiva al punto che gli esperimenti di un Gustavo Roll, lo spiritismo, l’esoterico, ma anche un disegno di Manara, hanno un valore spirituale partecipano a un discorso sull’invisibile, il sublime e l’effimero. Fellini per intenderci, trovava spirituale, la reputava una magia, ciò che accadeva quando, seduto al fianco del pianoforte di Nino Rota,  il musico trovava finalmente le note che avrebbero compiuto  e in parte ispirato il suo film.

Più che mettersi in competizione con Dio, credo Fellini si sia messo in competizione con chi troppo superficialmente liquidava il tema dicendo “non credo in Dio”. Fellini si considerava un pigro superficiale richiamato dalla creatività e dall’arte all’impegno e al lavoro. Per Fellini essere gelidamente atei doveva sembra qualcosa di troppo superficiale e noioso, tanto più che Giulietta era fortemente credente.

Lo fa dire a Benigni ne La voce della luna (1990), guardando un buco sul tettuccio di un cimitero, riferendosi ai nostri predecessori in terra: “Ma dov’è che andate tutti?”. Fellini contempla lo spirituale, ma con lo stesso dubbio con il quale contempla il reale: non è detto che l’aldilà non risieda in un buco nel cemento, o in un vecchio frigorifero “coldrator”.

Giulietta e Federico, il loro amore ha sorvolato il set e la vita. Era amore?

Se c’è qualcosa di poco originale in questi due mostri del cinema, è la loro storia d’amore coniugale. Un’infinità di coppie al mondo si sono amate così tanto e infinite altre sono state segnate da un figlio deceduto in fasce, e dai tradimenti.

L’insegnamento che ci ha dato Giulietta Masina, visto che è stata lei a sopportare comportamenti poco matrimoniali, e che quando si ama una persona la si deve sapere amare nella sua completezza, accettandola anche nei suoi difetti e pulsioni, senza pretendere di riuscire a cambiarla.

Come narrato ne i Vitelloni, Fellini è stato sempre un viveur, un dandy, prima ancora di diventare benestante. Non ha mai nascosto il suo amore per le donne, per l’eros. Anche la trasgressione in Fellini è felliniana. Fellini rappresenta l’eros come una schiavitù, che spesso rende ridicoli, in balia delle pulsioni, capricciosi come bambini viziati, narcisi e vanitosi, ma di cui impossibile fare a meno (e a quel punto meglio goderselo giocosamente e con ironia).

Masina conosceva più di chiunque altro Fellini, e sapeva senza dubbio, ancor prima di sposarlo, quale importanza rappresentasse l’eros per il marito.

Letto 173 volte

Lascia un commento

Questo sito utilizza i cookie per fornirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito o cliccando su "Accetto" acconsenti al loro utilizzo. Maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi