La recensione di G. Brizzi

Giovanni Brizzi, professore emerito dell’Alma Mater Studiorum, autorevolissimo storico e scrittore, ha presentato  lo scorso venerdì 17 maggio, in una gremita Sala Borsa, il libro del prof. Giuseppe Sassatelli dal titolo: “Bologna Etrusca. La città «invisibile»”, edito dalla casa editrice Bologna University Press (Bup). 

A margine della presentazione del libro abbiamo chiesto una breve recensione del libro al prof. Giovanni Brizzi:

«Il libro di Giuseppe Sassatelli offre una serie di spunti molto interessanti. A parte, la dotazione enorme di dati che offre, suggerisce anche alcuni spunti allo storico non solo “etruscologo”, ma anche allo storico romano. E questo posso dirlo io che lo ho letto e questi spunti li ho ricavati su alcuni problemi che stavo trattando. “Bologna Etrusca. La città «invisibile»” (Bup 2024), propone una serie di spunti su tutti gli aspetti della Bologna Etrusca; dal suo formarsi al suo sviluppo, i percorsi commerciali, i rapporti con le altre popolazioni. Alla persistenza o meno di questi rapporti fino ai rituali funerari, il tutto estrapolato attraverso la sistematica rilettura del dato archeologico che diventa importante soprattutto per le epoche su cui non esistono fonti scritte. I siti etruschi a Bologna si trovano a Villa Cassarini, tutta l’aerea tra Aposa e Ravone. E poi naturalmente, al di fuori di Bologna, i rapporti con Spina, Mantova, Marzabotto e con il mondo etrusco proprio. Naturalmente ci sono una serie di realtà minori che poi alla fine danno vita alla Felsina che ci interessa».

 

Sempre del prof. Giovanni Brizzi leggi e guarda video: Ritorno al passato con il prof. Brizzi e la Legio XIII Gemina

 

Lascia un commento