Moda e arte. La nascita di un affascinante e tuttora vivo rapporto.

Moda e arte. La nascita di un affascinante e tuttora vivo rapporto

di Nelda Parisini

La prof.ssa Maria Giuseppina Muzzarelli (*) racconterà della lunga e tuttora viva relazione fra moda e arte nell’incontro dal titolo ‘Moda e arte. Un percorso per temi e tappe dal medioevo ad oggi’ organizzato dall’Associazione “Bologna per le Arti”, giovedì 13 febbraio alle ore 17.00 presso Palazzo D’Accursio, Sala Farnese. L’incontro chiude la rassegna di dialoghi con cui l’associazione ha accompagnato la mostra ‘Da Bertelli a Guidi. Vent’anni di mostre dell’Associazione Bologna per le Arti’ presente alla Sala d’Ercole di Palazzo D’Accursio, visitabile fino al 16 febbraio, ingresso libero.

Incontro la professoressa per un’anticipazione del racconto con cui ci affascinerà giovedì prossimo.

Quando nasce la moda? “Si può certamente dire che la moda nasce nel medio Evo” indica Muzzarelli “nasce in rapporto stretto con l’arte, relazione che continuerà per un lungo periodo e che si riproporrà in modo evidente in tempi a noi prossimi. La moda nasce come fenomeno in cui si concentrano un forte e specifico interesse per l’apparenza estetica, per sottolineare l’appartenenza ad una classe sociale ed è accompagnato dall’inizio di una marcata differenziazione nell’abbigliamento dei due sessi. E’ nel medioevo che il gusto di vestirsi e la possibilità di farlo con relativa libertà si fece più diffuso. Nelle città comunali divenne possibile costruirsi nuovi destini esercitando attività che producevano ricchezza e modificavano la posizione sociale. Molte di queste attività avevano luogo nelle botteghe nelle quali si producevano capi di abbigliamento o accessori con il lavoro di tessutai, tintori, sarti, battiloro, calzolai, orefici e così via.” Molto interessante questo legame tra nuove arti e mestieri e maggiore libertà in un’epoca che usualmente è associata a chiusura e restrizione. Come possiamo attestare l’accadimento di questa che si propone come una rivoluzione sociale? “Negli ultimi secoli del Medioevo gli Statuti cittadini, i cui primi esemplari risalgono alla seconda metà del XIII secolo, dedicarono un’attenzione crescente ad abiti, accessori e più in generale al modo di vestire delle donne.” Prosegue Muzzarelli “Lo fecero emanando leggi denominate leggi suntuarie che avevano lo scopo di limitare le importazioni ma anche di evitare o almeno contenere spese eccessive che rischiavano di impoverire le famiglie e rendere più rari i matrimoni. Le leggi suntuarie servivano soprattutto per mantenere le differenze e le distanze fra le diverse posizioni sociali. Facevano ciò stabilendo come ci si doveva vestire categoria per categoria. Provvedimenti del genere dimostrano l’importanza di vesti ed ornamenti usati per regolare la società e in definitiva per governare.” Può dirci quali erano i privilegiati, coloro a cui era concessa maggiore libertà di abbigliamento? “Le maggiori concessioni erano fatte ai nobili e ai dottori in legge e medicina, seguiva la categoria degli appartenenti alle arti maggiori, poi quella degli appartenenti alle arti mediane e così via.”

Riprendendo il tema delle fonti utili a collocare la nascita della moda nel Medio Evo cosa si può aggiungere? “Si deve certamente considerare il fatto che sempre negli ultimi secoli del medioevo il modo di vestire, soprattutto delle donne, fu al centro degli interventi di molti predicatori. Nelle piazze delle città principali ma anche dei centri minori predicatori malnoti ma anche di grande fama come Bernardino da Siena, xv secolo, parlavano delle vanità delle donne ma affrontavano anche aspetti specifici di queste vanità dedicando interi sermoni ai “capelli morti” cioè posticci o alle “caudae” vale a dire agli strascichi. Mettevano in guardia contro inutili sprechi ma anche contro la appropriazione di segni indebiti rafforzando il principio che ognuno deve vestire secondo la sua condizione sociale.” Ancora rimarcarcato il tema di vestire in modo consono rispetto alla condizione sociale di appartenenza… ma aggiungiamo un tocco di frivolezza, cosa ci può dire rispetto alla differenziazione nel vestire fra i sessi a cui accennava all’inizio? “Fra Due e Trecento il modo di vestire degli uomini e delle donne prese a differenziarsi in maniera marcata” spiega Muzzarelli “si evidenzia la diversità di genere: abiti femminili aderenti e vistose calze colorate per gli uomini segnano una nuova fase nella storia dell’abbigliamento.”

Per le ragioni raccontate è possibile sostenere che la moda è nata nel Medioevo? “Si, grazie all’intreccio di fonti di tipo diverso” conferma Muzzarelli “da novelle a Statuti, da atti notarili -penso in particolare a doti e testamenti che trattavano ampiamente di abiti destinandoli a figlie che si maritavano o ad eredi- a sermoni prova l’importanza riconosciuta alle vesti. Una riprova viene anche dalle testimonianze iconografiche: dipinti ed affreschi confermano il valore riconosciuto all’abbigliamento in più modi: lo fanno rendendo omaggio alle straordinarie capacità degli artigiani, dai tessutai ai sarti con il riprodurre con assoluta esattezza fogge originali e ricercate tanto negli abiti come negli accessori.”

Si può dunque sostenere che gli artigiani siano in parte gli artefici di una nuova configurazione sociale? “Gli artigiani producevano gli oggetti della moda” risponde Muzzarelli “Il ruolo esercitato dagli artigiani nella nascita della moda è stato importante, essi andavano ad alimentare commerci creando ricchezza.

Figura 1, Prova l’abito presso la bottega di sarti artigiani

Grazie a queste ricchezze alcune categorie sociali realizzarono importanti ascese politiche e la lotta fra antichi detentori del potere e quanti aspiravano a entrare a far parte dell’area del privilegio riguardò anche il campo delle vesti. I nuovi ricchi intesero limitare i privilegi dei nobili e sfoggiare i segni estetici della posizione sociale raggiunta. Per ottenere lo scopo brandirono come un’arma le leggi suntuarie. Concedere o vietare questo o quel tessuto ma anche questo o quel colore era un modo per escludere o integrare, era una delle forme che assunse la lotta politica.”

Nascono in questo periodo le organizzazioni delle Arti “Le organizzazioni che regolavano il lavoro di quanti esercitavano la medesima attività, drappieri, pellicciai (varoteri), tintori, sarti e così via, erano denominate Arti.” Prosegue Muzzarelli” Le Arti nacquero nel basso Medioevo e tutelavano i lavoratori ma anche i consumatori. Esse assicuravano che quanto usciva dalle botteghe fosse fatto “a regola d’arte”, fatto cioè secondo le precise indicazioni contenute negli Statuti delle diverse Arti. Tanto il sarto come il calzolaio ma anche il pittore dovevano seguire le regole dell’arte che stabilivano tipologia e quantità dei materiali, costi e sanzioni per chi disattendeva le regole. Tanto per i sarti come per i pittori valevano poi gli accordi privati fra artigiani e clienti: questi ultimi pare che stabilissero i modelli degli abiti così come rivolgevano ai pittori precise richieste sui colori da utilizzare o il numero di teste da dipingere. Per molti secoli tanto l’abito come il quadro furono frutto di un accordo fra cliente ed esecutore e non ideazione esclusiva di quest’ultimo.” Rimaniamo un momento sulla relazione tra sarto e pittore, era una stretta relazione all’epoca? “Tanto il sarto che eseguiva abiti di straordinaria complessità come i pittori che riproducevano con esattezza calligrafica quegli abiti testimoniavano il privilegio della persona ritratta, ne tramandavano il ricordo e veicolavano precisi messaggi” conferma Muzzarelli .”e, vorrei aggiungere, il rapporto non era a sfavore dei primi. Porto un esempio, nel 1633 una bella veste di Caterina Balbi Durazzo venne pagata 412 lire genovesi, mentre nel 1624 i due ritratti a figura intera di Caterina e di suo marito eseguiti da Anton van Dyck erano stati pagati 373 lire. Ovviamente bisogna tener conto del fatto che il tessuto e gli ornamenti incidevano moltissimo sul costo.” Eppure noi conosciamo il nome di Anton Van Dyck ma non dell’esecutore del pregevole abito citato così come di tanti abiti tramandati in tele anche molto famose, cosa è accaduto? “Nel corso del XVI secolo ebbe luogo una disputa sulle arti che determinò una gerarchizzazione con relativa perdita di prestigio delle arti minori rispetto alle maggiori. Le arti maggiori come la pittura e la scultura erano le “inutili” per definizione e finalizzate al puro godimento estetico mentre quelle “utili” che realizzavano oggetti d’uso determinavano il campo delle arti “minori”.

Nel settecento la relazione fra le arti cambierà ancora. Per scoprire come e per continuare il viaggio nella relazione moda e arte fino ai giorni nostri l’appuntamento è Sala Farnese, giovedì 13 con la Prof.ssa Maria Giuseppina Muzzarelli ospite dell’Associazione Bologna per le Arti.

 

(*) Maria Giuseppina Muzzarelli è docente di Storia Medievale e di Storia delle città presso l’Università di Bologna

Letto 146 volte

Franca Pili

Franca Pili

Segreteria CUBo

Lascia un commento

Questo sito utilizza i cookie per fornirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito o cliccando su "Accetto" acconsenti al loro utilizzo. Maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi